La Birra della Val di Vara.

E’ un piccolo birrificio della Val di Vara, valle dichiarata biologica dalla comunità europea e a ridosso delle cinque terre. 

Con la produzione delle birre vogliono rappresentare il territorio, costituendo una rete informale di piccoli produttori che producono le materie prime. Luppoli, miele e castagne del territorio uniti all’acqua di sorgente, la loro birra nasce dal connubio tra artigianato e agricoltura.

LA STORIA

Coltivatori di luppolo.

L’azienda coltiva il luppolo e si sviluppa nella vecchia azienda di famiglia un laboratorio di spume, che funzionava dal dopoguerra. Abbiamo visitato l’azienda e conosciuto Elisa, birraia e fondatrice del birrificio , che si occupa della produzione e degli eventi. Ci ha raccontato come le birre portano il nome dei paesi della valle e degli ingredienti utilizzati. Cerca, insieme all’azienda, il contatto diretto con le persone, per conoscere gli ingredienti, come sono coltivati per avere un rapporto collaborativi basato sulla salvaguardia del territorio.

L’azienda nasce insieme al progetto del birrificio; dopo aver recuperato l’antico meleto, i soci dell’azienda si sono dedicati alla coltivazione del luppolo, iniziando con 23 piante di diverse varietà fino ad arrivare alle 500 piante acquisite da Mr Hops, principalmente di Cascade. Il  luppolo viene direttamente trasformato in azienda e riutilizzato in birrificio.

La vera birra artigianale.

Il cuore delle birre è rappresentato dalle materie prime fornite dai produttori che, mano a mano, entrano a fare parte della rete aziendale. Tutto questo permette di mettere al centro il valore delle relazioni umane e il rispetto dell’ambiente attraverso scelte consapevoli e ponderate.  L’azienda ha una bella iniziativa: personalizza le birre per eventi, per fare un regalo originale per i tuoi invitati.